Phom

© Gianfranco Tripodo / Contrasto
© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto
© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto
© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto
© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto
© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto
© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto
© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto
© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto
© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto
© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto
© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto
© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto
© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto
© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto
© Gianfranco Tripodo / Contrasto

© Gianfranco Tripodo / Contrasto


Gianfranco Tripodo è un fotografo documentarista freelance nato a Manila, cresciuto in Italia e di base a Madrid, dove lavora per le più importanti testate e brand internazionali. È rappresentato da Contrasto.

Frontera Sur” è un reportage pensato per essere diffuso su più media: immagini, testo e video, supporti diversi per modalità di fruizione diverse.
La frontiera in questione è la barriera di separazione tra le enclavi spagnole di Ceuta e Melilla e il Marocco, che quotidianamente centinaia di migranti - soprattutto dall’Africa sub-sahariana – cercano di attraversare, ed essere così su suolo ‘europeo’.
Intorno alla barriera, i migranti vivono in condizioni durissime, nell’attesa del momento giusto per riuscire a passare dall’altra parte, e nel continuo terrore della polizia di frontiera, che da entrambi i lati della recinzione reprime con estrema violenza ogni tentativo di intrusione.

Le immagini di “Frontera Sur” sono diventate una pubblicazione edita dalla spagnola Phree per la serie Dúo, dedicata alla collaborazione tra un fotografo ed uno scrittore, in questo caso il giornalista di El Pais Guillermo Abril, ed un video prodotto da Contrasto.

Con l’immagine di un migrante che si nasconde dalla Guardia Civil, Tripodo ha vinto il terzo premio al World Press Photo 2015, nella categoria General News.

Gabriele Magazzù

 

Leave a Reply