Phom

Les Rencontres d'Arles 2014. Foto © Mariateresa dell'Aquila.
Les Rencontres d'Arles 2014. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014, Magasin Electrique. Foto © Mariateresa dell'Aquila.
Les Rencontres d'Arles 2014, Magasin Electrique. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014, Magasin Electrique. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014, Atelier des Forges. Foto © Mariateresa dell'Aquila.
Les Rencontres d'Arles 2014, Atelier des Forges. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014, Atelier des Forges. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014, Atelier de Chaudronnerie. Foto © Mariateresa dell'Aquila.
Les Rencontres d'Arles 2014, Atelier de Chaudronnerie. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014, Atelier de Chaudronnerie. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014, Kechun Zhang. Atelier de Chaudronnerie. Foto © Mariateresa dell'Aquila.
Les Rencontres d'Arles 2014, Kechun Zhang. Atelier de Chaudronnerie. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014, Kechun Zhang. Atelier de Chaudronnerie. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014, Kechun Zhang. Atelier de Chaudronnerie. Foto © Mariateresa dell'Aquila.
Les Rencontres d'Arles 2014, Kechun Zhang. Atelier de Chaudronnerie. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014, Kechun Zhang. Atelier de Chaudronnerie. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014. Atelier de Chaudronnerie. Foto © Mariateresa dell'Aquila.
Les Rencontres d'Arles 2014. Atelier de Chaudronnerie. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014. Atelier de Chaudronnerie. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014. Martin Parr e Wassinklundgren,
Les Rencontres d'Arles 2014. Martin Parr e Wassinklundgren, "Chinese photobook". Bureau des lices. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014. Martin Parr e Wassinklundgren, "Chinese photobook". Bureau des lices. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014. Martin Parr e Wassinklundgren,
Les Rencontres d'Arles 2014. Martin Parr e Wassinklundgren, "Chinese photobook". Bureau des lices. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014. Martin Parr e Wassinklundgren, "Chinese photobook". Bureau des lices. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014. Martin Parr e Wassinklundgren,
Les Rencontres d'Arles 2014. Martin Parr e Wassinklundgren, "Chinese photobook". Bureau des lices. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014. Martin Parr e Wassinklundgren, "Chinese photobook". Bureau des lices. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014. Liu Zheng,
Les Rencontres d'Arles 2014. Liu Zheng, "The Chinese Photobook", Foto © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. Liu Zheng, "The Chinese Photobook", Foto © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. Bons baisers des colonies, Bureau des Lices. Foto © Gabriele Magazzù
Les Rencontres d'Arles 2014. Bons baisers des colonies, Bureau des Lices. Foto © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. Bons baisers des colonies, Bureau des Lices. Foto © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. Léon Gimpel,
Les Rencontres d'Arles 2014. Léon Gimpel, "La guerra dei bambini". Eglise des Fréres-Precheurs. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014. Léon Gimpel, "La guerra dei bambini". Eglise des Fréres-Precheurs. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014. Magasin Electrique. Foto © Mariateresa dell'Aquila.
Les Rencontres d'Arles 2014. Magasin Electrique. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014. Magasin Electrique. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014. Atelier de Chaudronnerie. Foto © Mariateresa dell'Aquila.
Les Rencontres d'Arles 2014. Atelier de Chaudronnerie. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014. Atelier de Chaudronnerie. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Festival Voies Off. Mostra
Festival Voies Off. Mostra "Spasibo" di Davide Monteleone. Hotel de Luppé, Arles. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Festival Voies Off. Mostra "Spasibo" di Davide Monteleone. Hotel de Luppé, Arles. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Festival Voies Off. Mostra
Festival Voies Off. Mostra "Spasibo" di Davide Monteleone. Hotel de Luppé, Arles. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Festival Voies Off. Mostra "Spasibo" di Davide Monteleone. Hotel de Luppé, Arles. Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014. Foto © Gabriele Magazzù
Les Rencontres d'Arles 2014. Foto © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. Foto © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. Raymond Depardon
Les Rencontres d'Arles 2014. Raymond Depardon "France", Eglise des frères prêcheurs. Foto © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. Raymond Depardon "France", Eglise des frères prêcheurs. Foto © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. Melanie Bonajo, Atelier de Chaudronnerie. Foto © Gabriele Magazzù
Les Rencontres d'Arles 2014. Melanie Bonajo, Atelier de Chaudronnerie. Foto © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. Melanie Bonajo, Atelier de Chaudronnerie. Foto © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. Patrick Swirc, Abbazia di Montmajour. Foto © Gabriele Magazzù
Les Rencontres d'Arles 2014. Patrick Swirc, Abbazia di Montmajour. Foto © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. Patrick Swirc, Abbazia di Montmajour. Foto © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. Lucien Clergue, Musée Réattu. Foto © Gabriele Magazzù
Les Rencontres d'Arles 2014. Lucien Clergue, Musée Réattu. Foto © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. Lucien Clergue, Musée Réattu. Foto © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. Prix Picte retrospective: Nadav Kander. Magasin électrique. Foto © Gabriele Magazzù
Les Rencontres d'Arles 2014. Prix Picte retrospective: Nadav Kander. Magasin électrique. Foto © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. Prix Picte retrospective: Nadav Kander. Magasin électrique. Foto © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. Parc des Ateliers. Foto © Gabriele Magazzù
Les Rencontres d'Arles 2014. Parc des Ateliers. Foto © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. Parc des Ateliers. Foto © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. Will Steacy, Atelier de Chaudronnerie. Foto © Gabriele Magazzù
Les Rencontres d'Arles 2014. Will Steacy, Atelier de Chaudronnerie. Foto © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. Will Steacy, Atelier de Chaudronnerie. Foto © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. Vik Muniz,
Les Rencontres d'Arles 2014. Vik Muniz, "Album". Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014. Vik Muniz, "Album". Foto © Mariateresa dell'Aquila.

Les Rencontres d'Arles 2014. David Bailey at the Église Saint-Anne. Image © Gabriele Magazzù
Les Rencontres d'Arles 2014. David Bailey at the Église Saint-Anne. Image © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014. David Bailey at the Église Saint-Anne. Image © Gabriele Magazzù

Les Rencontres d'Arles 2014: ritorni, ripetizioni, variazioni.

Che quest’ultima edizione dei Rencontres fosse nata sotto un clima particolare era cosa nota: ancor prima di cominciare, molti addetti ai lavori hanno storto il naso per diverse ragioni, tutte riconducibili al cambio di gestione della kermesse.

Una premessa ci sembra quindi opportuna: François Hebel, che aveva già diretto il festival alla fine degli anni ’80, ritorna nel 2001 per risollevare un evento sommerso dai debiti e con appena 9000 visitatori l’anno. In una decade, il modello organizzativo – ed economico – imposto da Hebel ha portato il festival ad avere grandi sponsor privati, un successo di pubblico crescente, e all’espansione dei Rencontres all’interno della grande area del Parc des Ateliers, le ex officine ferroviarie che sono poi diventate per anni “base” del festival. Proprio le officine sarebbero la causa delle dimissioni di Hebel: la città di Arles le ha infatti vendute alla LUMA Foundation, e diventeranno un campus dedicato alle arti visive esteso su 10 ettari, spodestando de facto i Rencontres. Il disappunto di Hebel deve essere stato grande, tanto da portare alle sue dimissioni.

Come già avevamo accennato qui, quest’edizione nasce con un intento celebrativo dei fasti del passato, riproponendo le immagini di alcuni fotografi (ed uno stilista) che hanno segnato la storia del festival. Un’esposizione dei “gioielli di famiglia” – Depardon, Clergue, Lacroix, Bailey – di alcune collezioni private che raccolgono un po’ di tutto, ed ovviamente nuova fotografia e photobooks da tutto il mondo. Citazione doverosa per gli allestimenti: grande cura e attenzione al dettaglio praticamente per tutte le mostre, ed in alcuni casi l’allestimento ha determinato il senso e la cifra stilistica dell’esposizione.

Le immagini di Depardon dei memoriali della Grande Guerra, sparse un po’ per tutta la città, sono interessanti soprattutto per il loro valore documentale, più bella invece l’installazione creata con le immagini dei memoriali scattate da persone comuni: slideshow immersi nel buio, con le registrazioni del suono ambiante ad alternarsi in maniera casuale. Nello stesso ambiente, un corridoio rosso sangue portava alle piccole immagini retroilluminate di Gimpel, dove i bambini del 1915 giocavano alla guerra, mettendo in scena le tragedie dei grandi.

Molta attenzione dedicata a due arlesiani: Lucien Clergue, con le immagini che lo hanno reso celebre – i nudi, Picasso e Cocteau, i gitani della Camargue – nel bell’allestimento al Musée Réattu, e lo stilista Lacroix, presente con una collezione di ritratti contemporanei incentrati sulla figura dell’Arlésienne, l’iconica figura della donna in abiti tradizionali.

Grande spazio al ritratto: belli ma abbastanza autoreferenziali i famosi scatti delle star (e non) di Bailey, interessanti quelli di Swirc e Perez entrambi privilegiati dal l’incredibile location dell’abbazia di Montmajour, un po’ artificiose forse le immagini della gente comune di Rouvre.

Particolari e impressionanti invece i fotocollage in grande formato di Vik Muniz, per perizia e qualità visiva.

Sentimenti contrastanti di fronte alle collezioni: privilegiare l’operazione o le immagini?
A nostro avviso, decisamente poco attrattiva la collezione Hunt, per le centinaia di foto di confraternite, club e ogni tipo di associazione dell’America degli anni ’40, seppur sapientemente ordinate.
Discorso diverso per l’importante collezione Walther, opportunamente divisa in sezioni – Tipology, taxonomy e seriality – che raccoglie autori distanti nel tempo, nella geografia e nelle idee: Sander, Avedon, Bernd e Hilla Becher, Araki, fino Malick Sidibé, Samuel Fosso e Seydou Keïta.
Interessante la collezione Trepat curata da Fontcuberta, nel segno industrialista dell’avanguardia spagnola tra le due guerre, e la mostra Bons Baisers des colonies, raccolta di cartoline dalle colonie, con il loro immaginario esotico/erotico.

Definita da alcuni come irritante o noiosa, la mostra The Chinese Photobook curata da Martin Parr e dal duo olandese WassinkLundgren è probabilmente l’operazione più interessante di questa edizione. Ricevute delle torce elettriche all’ingresso, si entra in stanze illuminate dalla sola luce rossa. Ogni stanza contiene ripiani e teche in vetro con decine di libri fotografici pubblicati in Cina, dai primi del ‘900 ad oggi: un catalogo fotografico che attraversa la Cina imperiale, l’occupazione giapponese, le “fasi” della Cina comunista fino ad oggi. Conveniamo che orientarsi nella semioscurità tra questi volumi, di cui molti di propaganda, intervallati solo da alcuni slideshow, con il mero ausilio di una torcia non sia il tipo di fruizione a cui l’utente medio è abituato. Detto questo, l’allestimento è una vera e propria esplorazione, un gioco alla scoperta di immagini sconosciute, fino ad autori contemporanei come Liu Zheng o Patrick Tsai.

Eterogenei i materiali dell’ampio spazio degli Ateliers: affollata e sempre interessante la selezione dei libri fotografici, tra cui Hidden Islam di Nicolò DeGiorgis, vincitore dell’Author Book Award di questa edizone; Small Universe, selezione di “trivial photography” olandese più che trascurabile, con l’eccezione degli autoscatti in lacrime di Melanie Bonajo; la bella retrospettiva del Prix Pictet, con foto di Nadav Kander e Luc Delahaye tra gli altri.

Per il Discovery Award, affidato a cinque curatori internazionali, ci hanno colpito Kechun Zhang, con le sue immagini sottilmente stranianti prese lungo il fiume Giallo, il coreano Youngsoo Han - una riscoperta del dopoguerra, e Will Steacy, paziente narratore della vita di redazione in un quotidiano attraverso tre decadi, fino alla chiusura definitiva.

Infine, vogliamo segnalare Serena de Sanctis e Delphine Schacher, entrambe vincitrici del contest annuale SFR Young Talents: la prima con le immagini del padre meccanico, Dino, tra distacco e sottile partecipazione, la seconda descrive con luce soffusa la vita in una campagna senza tempo.

Cosa dedurre quindi da questa edizione dei Rencontres? A parte l’impostazione da amarcord che si è voluta dare, la kermesse è servita anche come termometro per misurare certe tendenze della fotografia contemporanea. Sicuramente un ritorno della serie come forma progettuale, forse con un eccesso di autoreferenzialità legata all’esibizione del mondano, ormai con poco spessore concettuale. Un indirizzo diverso, e che fa ben sperare invece, sembra quello preso dalle intersezioni tra fotografia documentale, il reportage e alcune modalità dell’arte contemporanea: si sceglie di riprendere e raccontare luoghi, vicende e persone, senza particolare formalismo, ma con grande attenzione alla luce e al valore intimo che le immagini possono avere. Spesso prendendosi il tempo che serve, utilizzando anche il medio o grande formato.
Ampia presenza di immagini manipolate, attraverso modalità “antiche” come il collage, al pastiche digitale, fino alla produzione di veri e propri oggetti, che insieme espongono e incorporano le immagini.

Non molto si è visto legato al video o alla multimedialità, qui utilizzati come supporto alla presentazione, che sono invece strumenti e approcci sempre più fusi con la pratica fotografica. Un deciso “revival”, per così dire, è quello decisamente positivo del libro fotografico: nell’epoca delle immagini immateriali, si cerca sempre di più la necessità di un progetto che ha prenda una forma concreta, con un volume, una forma ed un odore.

Tanta carne al fuoco quindi, per un resoconto che abbiamo cercato di rendere più esaustivo possibile e – lo speriamo vivamente – interessante. A prescindere da polemiche su gestione e contenuti, i Rencontres rimangono sempre un punto di riferimento. Al nuovo direttore Sam Stourdzé, l’arduo compito di fare sempre meglio, mantenendone intatto lo spirito.

 

Testo di Gabriele Magazzù

Fotografie di Mariateresa dell'Aquila e Gabriele Magazzù

 

Leave a Reply