Phom

Marco Di Lauro

Tali, Kenya - February 9, 2011 for AMREF © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Tali, Kenya - February 9, 2011 for AMREF © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Tali, Kenya - February 9, 2011 for AMREF © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Bokariah, Guinea, for UNICEF © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Bokariah, Guinea, for UNICEF © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Bokariah, Guinea, for UNICEF © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Goz Beida, Chad – May 27, 2009 for UNICEF © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Goz Beida, Chad – May 27, 2009 for UNICEF © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Goz Beida, Chad – May 27, 2009 for UNICEF © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Chad, “Internally Displaced” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Chad, “Internally Displaced” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Chad, “Internally Displaced” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Chad, “Internally Displaced” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Chad, “Internally Displaced” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Chad, “Internally Displaced” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

A child waits to be tested for HIV in Singi, Uganda © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
A child waits to be tested for HIV in Singi, Uganda © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

A child waits to be tested for HIV in Singi, Uganda © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Afghanistan “War” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Afghanistan “War” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Afghanistan “War” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Afghanistan “War” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Afghanistan “War” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Afghanistan “War” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Afghanistan “War” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Afghanistan “War” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Afghanistan “War” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Afghanistan “War” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Afghanistan “War” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Afghanistan “War” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Afghanistan, “Casualties of The Nameless” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Afghanistan, “Casualties of The Nameless” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Afghanistan, “Casualties of The Nameless” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

British Field Hospital, Helmand Province, Afghanistan © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
British Field Hospital, Helmand Province, Afghanistan © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

British Field Hospital, Helmand Province, Afghanistan © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Al Musayyib mass grave, Iraq © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Al Musayyib mass grave, Iraq © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Al Musayyib mass grave, Iraq © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Najaf, Iraq - ICRC’s Physical Rehabilitation Center © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Najaf, Iraq - ICRC’s Physical Rehabilitation Center © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Najaf, Iraq - ICRC’s Physical Rehabilitation Center © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Good Willing Ambassador Angelina Jolie visits Afghanistan for UNHCR © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Good Willing Ambassador Angelina Jolie visits Afghanistan for UNHCR © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Good Willing Ambassador Angelina Jolie visits Afghanistan for UNHCR © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Lebanon, “July War” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Lebanon, “July War” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Lebanon, “July War” © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Haiti, “January 12, 2010″ © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Haiti, “January 12, 2010″ © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Haiti, “January 12, 2010″ © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Yemen assignment for Outside Magazine © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Yemen assignment for Outside Magazine © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Yemen assignment for Outside Magazine © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Khartoum, Sudan © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Khartoum, Sudan © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Khartoum, Sudan © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Kosovo - A Divided Soul © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Kosovo - A Divided Soul © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Kosovo - A Divided Soul © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Kosovo - A Divided Soul © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Kosovo - A Divided Soul © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Kosovo - A Divided Soul © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Venice Celebrates Carnival © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Venice Celebrates Carnival © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Venice Celebrates Carnival © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Boca Culture in Buenos Aires © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Boca Culture in Buenos Aires © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Boca Culture in Buenos Aires © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

"Vatican" © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

"Vatican" © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Bastoy Island Prison assignment for Live Magazine © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Bastoy Island Prison assignment for Live Magazine © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Bastoy Island Prison assignment for Live Magazine © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Helmand Province, Afghanistan – May 31, 2007 © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Helmand Province, Afghanistan – May 31, 2007 © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Helmand Province, Afghanistan – May 31, 2007 © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Attacks in Afghanistan © Marco Di Lauro / AP Photo
Attacks in Afghanistan © Marco Di Lauro / AP Photo

Attacks in Afghanistan © Marco Di Lauro / AP Photo

Israeli Police Unit Deployed Against Resisting Jewish Settlers © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Israeli Police Unit Deployed Against Resisting Jewish Settlers © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Israeli Police Unit Deployed Against Resisting Jewish Settlers © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Food Crisis In Niger, for UNICEF © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
Food Crisis In Niger, for UNICEF © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Food Crisis In Niger, for UNICEF © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

South Sudan Travel Story For Outside Magazine © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images
South Sudan Travel Story For Outside Magazine © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

South Sudan Travel Story For Outside Magazine © Marco Di Lauro / Reportage by Getty Images

Marco Di Lauro è nato a Milano nel 1970. Spinto dalla madre, comincia a praticare la fotografia giovanissimo, passione che crescerà nel tempo.
Dopo gli studi di storia dell'arte e giornalismo si diploma in fotografia allo IED, a Milano. Da allora la sua carriera di fotografo si è definita e sviluppata: dai primi reportage da freelance alle collaborazioni con le agenzie e testate internazionali, coprendo spessissimo zone di guerra, conflitto o calamità naturali.
Dal 2002 fa parte di Getty Images.


Sei un reporter impegnato in zone di conflitto e di emergenze umanitarie e ci interessa iniziare da questa tua esperienza. Innanzi tutto: perché hai deciso di fare il reporter lavorando in questi contesti?

Credo che questa mia scelta sia parte di un percorso personale, iniziato all’età di 18 anni, quando lavoravo per la Croce Rossa Italiana come paramedico, a Milano, città dove vivevo al tempo. Quella è forse la mia prima esperienza legata al sociale, e lì mi resi conto che volevo fare un lavoro che avesse anche una funzione sociale, oltre che farmi guadagnare dei soldi alla fine del mese… Lavorare come paramedico mi ha insegnato molto sulla gente, sui problemi della società in cui vivo. Quando poi mi iscrissi a Lettere e Filosofia, con l’idea di fare il critico d’arte, mi appassionai sempre di più alla composizione dell’immagine, alla luce, alla pittura: avevo già l’hobby della fotografia, che mi aveva trasmesso mia madre fin da ragazzino, e avevo una grossa curiosità per quello che era la geopolitica, per il “resto del mondo”…

Qual è il senso e il valore di questo lavoro oggi, soprattutto di fronte alle mutazioni tecnologiche e del mercato? È cambiato - in qualche modo - il valore di questo lavoro?
 
Do lo stesso valore che aveva cinque anni fa o dieci anni fa, anche se il lavoro in se è cambiato perché il mercato è cambiato… anche i pericoli insiti nel fare questo lavoro sono cambiati… Trovo che – forse – da alcuni punti di vista, fosse più facile fare questo lavoro vent’anni fa più che adesso. Ad esempio: molti anni fa il pericolo relativo ai sequestri a scopo di estorsione era decisamente inferiore, il dilagare del fondamentalismo islamico non ha aiutato questa professione, l’ha resa più “volatile”, più pericolosa, più difficile… però la tecnologia l’ha resa anche più accessibile, anche a giovani fotografi che vent’anni fa non sarebbero andati in determinati posti.

Fotografare la guerra porta inevitabilmente a confrontarsi con la morte e il dolore. Nelle tue fotografie non ti sottrai, e scegli di guardare l'una e l’altro. Non solo e non sempre. In alcuni tuoi lavori, ad esempio in July War e The Aftermath of Saddam, ci sono diverse immagini esplicative da questo punto di vista. Che importanza ha per te fotografare questi due momenti della vita di un individuo, e soprattutto poi restituirli al pubblico in immagini?
 
È molto importante, perché fa parte della missione del mio lavoro, di informare l’opinione pubblica riguardo alla condizione umana… non mi sottraggo al dolore delle persone che fotografo, provando a mia volta dolore per la loro sofferenza, tant’è che ho sempre la necessità di fotografare molto vicino. La maggior parte delle mie fotografie è presa da una distanza ravvicinata, con una lente 35mm, quindi non c’è mai una distanza tra me e il soggetto, per la natura del mio lavoro mi capita di passare mesi con questi soggetti.

Emerge quindi anche la responsabilità del reporter, quella di restituire l’intimità di questi soggetti?

Certamente. È una responsabilità grande, ma che ha un suo limite: quello di essere una sola persona, che documenta una storia, che può avere molteplici aspetti… è sempre una verità parziale, la mia verità, quella che è filtrata dalle mie opinioni, dalle mie idee, per quanto io cerchi essere neutrale o imparziale, posso essere comunque in un solo posto alla volta.
 
Voi fotografi siete comunque consapevoli che le vostre immagini andranno poi dentro ad un meccanismo editoriale: vi interrogate sul fatto che le vostre immagini vanno a finire in un processo più articolato?
 
Rifletto su questo tipo di responsabilità ma, lavorando per una grossa struttura come Getty che mette online le foto a disposizione di migliaia di clienti, la responsabilità ricade anche sul cliente, cioè usarle nel modo corretto. A volte succede che non vengano usate nel modo corretto, che vengano storpiate o riscritte le didascalie, che vengano inserite in un contesto non appropriato… addirittura vengono copiate e usate come propaganda, come è successo con una mia immagine abbastanza famosa che ho fatto in Iraq, usata dieci anni dopo come propaganda per la guerra in Siria.
Non è quindi un lavoro che fai da solo. Da solo fai la fase della ripresa, ma poi l’utilizzo dell’immagine è talmente vasto e vario, che non hai più nessun controllo.
 
Con alle spalle una carriera di quasi vent’anni, tu hai già visto mutare questo mestiere… ce ne vuoi parlare?

L’ho visto mutare soprattutto negli ultimi cinque anni, verso una direzione che io chiamo il “fast food dell’immagine”. Le buone fotografie, le grandi fotografie, non si fanno più su assignment di un giornale – in quanto ormai gli assignment si sono ormai ristretti ad una media di tre giorni – ma si fanno lavorando a progetti personali. Se un giornale mi chiama per fotografare la condizione dei minori migranti in Sicilia, e mi da tre giorni per farlo, è ovvio che difficilmente potrò mai tirar fuori un lavoro particolarmente degno di nota. Anni fa erano di una settimana, adesso son diventati di tre giorni… il lavoro di approfondimento lo puoi fare se fai progetti personali, a lungo termine, altrimenti se fai il fotografo di news, come per Getty News, AP, Reuters, quando accade un avvenimento specifico, come a Gaza o in Iraq, l’agenzia a volte ti permette di rimanere dei mesi per documentare sul campo.
Fino al 2007 ho fatto il fotografo di news per Getty Images, quindi fornivo una documentazione quotidiana degli eventi che mi dicevano di coprire o che sceglievo di coprire. Dal 2007 ad oggi questi assignment per i clienti dell’agenzia, si sono ristretti da sette, a cinque, e poi a tre giorni di durata. Prima riuscivo a gestire dieci assignment da 10-15 giorni ognuno in un anno, adesso ne faccio 40 di tre giorni ciascuno. Economicamente non è cambiato molto, ma è cambiata la qualità delle immagini che si producono.

A questo proposito, tu hai una grande attenzione per la qualità dell’immagine, per la composizione, la luce. E' una condizione che ti imponi, quasi un dovere? Quanto è importante per un fotografo, relativamente a questo contesto?

È una cosa che dipende dalla mia formazione culturale, dal mio background artistico, dagli studi che ho fatto, dagli studi che faccio sulla luce e sulla composizione, dall’attenzione e dai sacrifici che compio per riuscire a realizzare delle immagini del genere, e dalla fortuna se vuoi, di avere a disposizione tantissimo tempo quando documentavo eventi a lungo termine. Se guardi la gallery di The Aftermath of Saddam trovi 25 immagini, ma quelle immagini sono state scattate nell’arco di tre anni, durante la mia copertura della guerra per Getty Images: ebbene, io in quei tre anni ho mandato in rete quasi 21.000 immagini. È chiaro che ho scelto le immagini che io ritenevo rappresentative di quei tre anni.
Questa ricerca c’è solo quando hai tempo, non può esserci quando hai un tempo molto più breve. Nonostante ci sia sempre una certa attenzione ed una ricerca, devi fare comunque informazione.
Come mi disse una volta Giovanni Gastel, uno dei miei docenti allo IED, «il fotografo è il risultato del suo background socio-culturale» e credo che sia vero. Più uno nutre il suo background culturale, più questo fa bene alla sua fotografia.
 
In The space center riprendi alcuni elementi compositivi poco presenti in altri reportage, tipici invece della fotografia documentaria: la centralità del soggetto, le simmetrie, l’uso di un’ottica normale. È il soggetto che si impone per sue caratteristiche e dunque lo restituisci visivamente o è una scelta tua di utilizzare questo stile?

Innanzitutto non avevo mai fotografato in un ambito di quel tipo. Fotografare all’interno di un centro spaziale è sicuramente diverso che fotografare un teatro di guerra, in Iraq o in Libano… inoltre, era un assignement in cui io avevo soltanto quattro giorni a disposizione, per un giornale americano che parla di tecnologia, non di news, quindi ho cercato di dare un taglio che soddisfacesse anche le esigenze del cliente. Dobbiamo tenere conto che ci sono mille tipi di fotografia diversa, e che alla fine, nonostante possiamo anche considerarci degli “artisti”, alla fine hai un committente che ti sta pagando per fare un lavoro, e devi soddisfare le esigenze del cliente, ed avere una visione simile a quella che il cliente ha in mente. Non sempre fotografi come vorresti o come potresti.

Crediamo che durante certi reportage sia difficile non coinvolgersi, non sentire l’emozione, che sia paura o empatia. Quanto incide nel tuo lavoro la dimensione emotiva?

Conta tantissimo, probabilmente è il risultato finale di quella che è l’immagine. Se non provassi delle emozioni forti, non riuscirei a trasmettere con le immagini quella sensibilità o quella vicinanza. Come dicevo prima, ho bisogno di sentire - in un certo modo – quello che sentono i soggetti che fotografo. Con l’enorme differenza di potermene andare, mentre loro rimarranno poi in quella condizione… le emozioni più forti le provo durante il processo di editing, e al ritorno dagli assignment. Nel momento in cui scatto, nelle situazioni più concitate o di grande pericolo, devo cercare di mantenere una sorta di filtro – non un distacco, perché non riuscirei – dai soggetti che fotografo, che mi faccia sopravvivere e non mi faccia crollare emotivamente.
Posso però dire che i momenti più dolorosi della mia vita sono stati al momento del ritorno a casa… durante il processo di editing devi convivere con il dolore che hai assorbito durante il lavoro… con i fantasmi che questo genera, e con gli incubi che questi provocano… Sono dolori che ti porti dietro per tutta la vita… forse si “calcificano” nel tempo, ma una sorta di dolore ti rimane sempre, negli occhi o nell’anima, in qualche modo. È indiscutibile che vedere gente che muore per 20 anni consecutivi non faccia bene, nessuno ne è immune.
Adesso che ho ridotto l’esposizione a questo tipo di eventi, soffro meno. Ora che alterno diversi tipi di lavori, ho una vita più serena.

Vent’anni di questo lavoro hanno profondamente condizionato la tua vita quindi...

Mi hanno certamente condizionato, fino a quando non ho scelto di alternare diversi tipi di lavoro: adesso faccio di tutto, da lavori commerciali a lavori corporate, tutti i generi possibili che si fanno per un’agenzia come Getty Images.

Cosa vuol dire, per te, raccontare con la fotografia? E come ti rapporti con la costruzione di un racconto?

Per me la narrazione è semplicemente l’evolversi degli eventi. Nel momento in cui seguo una storia, il racconto non ce l’ho in testa fin dall’inizio. Ne ho una vaga idea, ma poi il racconto va per singole immagini che non hanno niente a che vedere con una cronologia, ma semplicemente con quelle che sono le mie emozioni. La singola immagine ha ovviamente la capacità di raccontare, ma ovviamente quando vedo un reportage fotografico, mi piacerebbe vederlo nello stesso modo in cui leggo un libro, con un prologo, uno svolgimento, e tutto il resto… vorrei avere la stessa sensazione che ho quando ho finito di leggere un libro.
La maggior parte dei reportage che vedo, nonostante siano molto validi, secondo me hanno degli editing troppo lunghi. Alle mostre, o soprattutto ai festival, vedi reportage di 70 immagini… non c’è bisogno di un editing così vasto per farmi capire una storia… preferisco la sintesi. 25-30 immagini potrebbero essere sufficienti… è anche una cosa che impari, lo spettatore non lo devi annoiare. …   Non puoi però neanche ammorbare chi guarda… sul sito ci sono circa diciotto storie, prova a immaginare se ogni storia avesse 50 o 60 immagini di questo tipo.

Nel reportage Internally Displaced c’è una foto di un giovane guerriero, ripreso dal basso, con la sigaretta in mano e lo sguardo in camera. Quella situazione, se ti ricordi, da dove nasceva? Cos’è, per te, quello sguardo? E' simile a molti altri sguardi che fotografi o ha qualcosa di specifico?
 
Credo fosse lo sguardo di uno che si chiedeva cosa io stessi facendo… tieni conto che quella è una persona con cui ho passato diverse giornate, perché era al seguito di un “commilitone” ferito che veniva portato da un posto all’altro, in questo flusso di rifugiati. Era una persona che si era forse anche abituata alla mia presenza. In alcuni casi, guardando un'immagine riesco a percepire se lo sguardo è quello di una persona che ti ha appena incontrato, o se è lo sguardo di qualcuno che ti conosce… A me non disturba che il soggetto guardi in camera… dipenda da cosa voglio trasmettere, dipende anche se poi in fase di editing la foto mi piace o meno… Conta che io scatto moltissimo, e il mio processo di editing è molto lungo, molto accurato, e non lo faccio da solo.

Ecco, vuoi dirci come funziona l’editing dei tuoi lavori?

Ho una managing editor di Getty Images a New york, Lauren Steel, con cui lavoro ormai da tantissimi anni. Una volta finito un reportage, mando a lei una prima bozza di editing, e ne discutiamo fino a quando non arriviamo – di comune accordo – ad un editing finale. È la fortuna di avere alle spalle una struttura molto efficiente… Poi è anche una questione individuale: ci sono fotografi che l’editing lo fanno da soli, e basta. Per me è una scelta, mi piace avere un confronto… la fotografia è confronto continuo: per fare un esempio, uno degli ultimi editing di cui non ero soddisfatto, l’ho fatto fare a Paolo Marchetti [che ha indicato Di Lauro come suo passaggio di “testimone”, NdR]… non ho nessun problema a confrontarmi anche per l’editing con diverse persone. E un occhio esterno non è influenzato dall’emozione che tu hai provato nel fare quella foto.

Nel tuo sito alla sezione portfolio c’è una sottosezione Hipstamatic. Sono tuoi personali esperimenti o è parte di un approccio alla fotografia realizzata con smartphone e cosa ne pensi dell’uso che se ne fa a livello professionale?

Non è una ricerca, non voleva avere nessuna velleità particolare… semplicemente, nella vita quotidiana non giro con una macchina fotografica, a differenza di altri fotografi che lo fanno: giro semplicemente con un iPhone, e fotografo quello che mi incuriosice, o mi appassiona, mi diverte, o mi circonda.
Passo tantissimo tempo nella natura, perché sono appassionato di vari sport all’aria aperta, e spesso e volentieri fotografo usando questa applicazione. Un giorno, per gioco, ho messo insieme tutte le foto fatte con Hipstamatic, ho fatto un editing, l’ho mandato al mio editor a NY e le ho chiesto se mi aiutava a fare una serie che potessi mettere sul sito come un divertissement… e li è rimasto! È un gioco. Anche se poi ci sono fotografi di grande levatura che hanno usato quelle applicazioni per fare lavori che poi hanno vinto il WPP, come Ben Lowy per esempio. Per me è semplicemente un gioco, per altri è una ricerca, una cosa seria.

Rispetto all’interazione con il multimediale come ti stai comportando? Lo ritieni un ambito di sviluppo per la tua professione?

Ritengo la dimensione del multimediale fondamentale e interessantissima. Trovo che oggigiorno nessun fotografo possa esimersi dalla capacità di poter fare dei video. Io ho un grosso cliente, per il quale lavoro abitualmente, per il quale faccio anche dei video. Devo ammettere però, che mi trovo più a mio agio con la semplicità dell’immagine piuttosto che con il movimento del video. Se avessi voluto fare l’operatore o il videografo avrei fatto quello anziché fare il fotografo. La tecnologia oggi è cambiata, le esigenze dei giornali sono cambiate: sicuramente se uno ha la possibilità di fare dei video ha molte più possibilità di lavoro rispetto a chi fa solo fotografie. Trovo che l’insieme di testo, immagini e video se messi insieme in un certo modo, possano creare un prodotto meraviglioso, con un impatto molto più potente rispetto alla semplice fotografia e basta. Però richiede molto più tempo, richiede delle capacità diverse, richiede un lavoro di team.
 

Fai parte dell’agenzia Getty che recentemente ha cambiato il rapporto con l’utilizzo delle fotografie in rete. Cosa cambia per voi professionisti? Il giornalismo è mutato?

Sicuramente l’utilizzo di tecnologie diverse è parte di questo cambiamento. Il grosso cambiamento sta anche in quello che è il nuovo business, cioè da quando l’editoria è in crsi e ci sono meno fondi, si cercano fondi in altri ambiti. Il cambiamento è anche questo: la diversificazione del business vero e proprio.

Hai dei progetti personali che stai portando avanti?

Al momento no, sto cercando di entrare in quella che chiamo la “terza fase” della mia vita e della mia carriera: la prima fase era quella di fare il fotografo di news, dall’inizio della mia carriera fino al 2007, la seconda fase è stata quella dal 2007 fino ad oggi, cioè fare il fotografo su assignment commissionati dall’agenzia per i clienti dell’agenzia, da ora in avanti vorrei cercare di fare dei progetti personali che mi interessano, a lungo termine. Credo di aver ormai raggiunto la maturità professionale, e la solidità finanziaria per poterlo fare. Ho un paio di idee su cose che mi piacerebbe fare, che però non vi racconto... 

Cosa vuoi restituirci con la fotografia? Dove va il tuo sguardo?

Il mio sguardo va alla gente che ne ha bisogno: bisogno di raccontare le proprie storie, bisogno di avere una voce che venga elevata all’attenzione dell’opinione pubblica… non mi interessa la fotografia in quanto tale: onestamente, che io faccia il fotografo è un puro caso, forse dato dal talento, dalle possibilità che ho avuto, dalle influenze che ho avuto… se avessi fatto il fotografo o lo scrittore, o il giornalista o lo scultore o il pittore, la mia attenzione sarebbe andata verso l’esigenza di raccontare problematiche sociali, o temi che hanno bisogno di essere raccontati, a mio avviso… non mi interesserebbe fare il fotografo di sport o di moda, mi interessa raccontare delle storie che hanno a che fare col sociale.

A chi passi il testimone?

A Martina Cirese.

 

Intervista a cura di Marco Benna

 

Leave a Reply